Socio Assistenziali



Gruppo Appartamento “DOMUS CARMINIA”


Descrizione del servizio 

  

Nascita del progetto:

Nel 1994 l’Amministrazione Comunale di Terracina, con atto di Consiglio Comunale n. 29 e in data 25 maggio, istituiva una Comunità Alloggio per disagiati psichici presso i locali della vecchia struttura ospedaliera di via S. Francesco. L’idea della Comunità Alloggio nasceva dall’esigenza di sistemare in una struttura di accoglienza n. 8 pazienti psichiatrici, e di sperimentare condizioni di vita autonoma per prevenire l’emarginazione e consentire agli utenti di vivere in una situazione psicologica e relazionale il più possibile vicina a quella familiare e comunitaria, di evitare il riacutizzarsi di patologie psichiatriche con conseguenti ricoveri in strutture psichiatriche a lungo e a medio termine.
I mutamenti sociali di questi ultimi anni hanno determinato cambiamenti nelle modalità espressive del disagio e del disturbo psichico. Un’ attenta riconsiderazione delle tecniche e dei servizi con la Legge 328/2000, hanno determinato un netta riorganizzazione del progetto, ridefinendo gli obiettivi in termini di miglioramento della qualità della vita e di restituzione dei diritti.

il servizio oggi: presupposti, attività, obiettivi

Il progetto “Domus Carminia” (Piano di Zona Distretto sociosanitario Fondi-Terracina 2°, 3°), fonda la residenzialità sull’operatività dell’abitare, sull’obiettivo centrale dell’abitare della persona nel suo ambiente di vita.
L’abitare non solo con lo stare in un luogo o avere dimora, ma con un insieme di norme che regolano lo stare o il dimorare, con l’insieme di rapporti e di relazioni che in quel luogo si instaurano, con gli oggetti che vi sono contenuti, con il senso di proprietà.
Questo è il cambiamento che si è operato con il passaggio degli utenti dalla Comunità Alloggio dell’ex ospedale civile di Terracina-Alta, locali non ameni, trasandati, da anni privi di manutenzione, alla casa messa a disposizione dal Terzo Settore, a cui è stato affidata la gestione del gruppo appartamento. In circa due mesi gli utenti hanno operato un cambiamento della loro qualità di vita, perché gli è stata offerta la possibilità di abitare in un luogo non più di passaggio ma degli spazi in cui vivere e ricevere il supporto necessario da parte dei servizi socio-sanitari con la modalità di visita e/o assistenza domiciliare.
Una dimensione abitativa consona e improntata sul concetto di familiarità, una partecipazione attiva alla conduzione della casa, dove si organizzano i menù settimanali, si va a fare la spesa con l’operatrice, ci si preoccupa della pulizia delle proprie stanze, del lavaggio della biancheria e della loro igiene personale, di preparare e sparecchiare la tavola.  I loro rapporti sociali sono più intensi. E’ migliorato e recuperato il rapporto con i famigliari, sino ad ora assenti o scarsi, chi non li ha, invita gli amici per una merenda o un caffè. Si Organizzano gite e soggiorni ricreativi molto funzionali allo sviluppo dei rapporti interpersonali e alla conoscenza e familiarità con il mondo estero. 
Il cambiamento operato ha coinvolto gli stessi operatori che gestiscono la casa, e ciò è stato possibile non solo grazie al miglioramento psicofisico degli utenti, ma anche dalla esigenza e dalla volontà di razionalizzare al meglio le risorse e le energie, dalla necessità di cambiare la qualità di vita degli abitanti della “casa”.
Le lezioni teoriche tenute dagli operatori del Servizio Sociale Comunale e dagli operatori del C.S.M.; gli incontri quindicinali del gruppo tecnico operativo; gli incontri mensili con gli utenti della “casa” dove vengono esposti eventuali situazioni problematiche, manifestati bisogni, osservazioni e proposte personali; gli incontri mensili con i familiari, si sono configurati come luoghi di conoscenza e scambio, di verifica dei cambiamenti e della qualità , nonché della  soddisfazione percepita dall’utenza. Fino a novembre 2011 il servizio è stato gestito dalla Cooperativa Sociale "Le Ali della Fenice". Alla scadenza del contratto l'Azienda Speciale Terracina ha internalizzato il servizio ed attualmente lo gestisce in maniera diretta. Il personale impiegato è composto dagli stessi operatori della gestione precedente, così da garantire una tranquilla continuità agli utenti ospiti della Domus Carminia. 

Legislazione di riferimento:

Legge n. 104 del 5 febbraio 1992 – Legge Regionale n. 38 del 9 settembre 1996 – Legge n. 328 del 8 novembre 2000.

 

Prodedure per l'accesso al servizio e per il pagamento della retta mensile

 

Procedura per la richiesta di ammissione alla Domus Carminia

  • Scarica Il "Modulo per la domanda di ammissione alla Domus Carminia" dalla sezione "Modulistica" dello sportello on-line.
  • Stampa il modulo e recati presso gli uffici dell'Azienda Speciale Terracina in Via G. Leopardi n.73. Presso il Front Office verrà fissato un appuntamento per un colloquio conoscitivo.
  • Durante il colloquio si provvederà a:
    a) valutare l'ammissione dell'utente al servizio;
    b) guidare i richiedenti nella compilazione del modulo;
    c) stabilire la retta a carico dell'utente in base al possesso o meno dell'indennità di accompagnamento e le relative modalità di pagamento. 

Procedura per il pagamento della retta mensile

  • Scarica la tabella "Tabella Tariffe Domus Carminia" dalla sezione "Tariffe, Riduzioni, Esenzioni" dello sportello on-line.
  • consultala per conoscere la retta mensile a carico dell'utente calcolata in base al possesso o meno dell'indennità di accompagnamento (così come è stato stabilito durante il colloquio conoscitivo).
  • Le scadenze di pagamento delle rette sono stabilite durante il colloquio di ammissione e può essere effettuato scegliendo tra le seguenti procedure:
    1) Presso gli uffici: dell'Azienda Speciale  "Terracina" in Via G. Leopardi n.73;
    2) Procedura con pagamento on-line: Vai direttamente alla sezione "sportello on-line" di questo sito, clicca su "scopri come" e segui le istruzioni;

 


Documenti da Scaricare


Progetto integrale Domus Carminia

Sportello online

D'ora in poi puoi pagare comodamente online
Servizio Civile Amministrazione Trasparente

Servizi